17/05/2016, 10:08

Rassegna stampa » da LaNuovaSardegna del 17.05.16. Il progetto attuato a Ollolai sposato dalla coalizione di Marco Balata

Le case a un euro anche in città

di Tiziana Simula

OLBIA Case a un euro anche a Olbia. Il progetto di Ollolai promosso dal suo sindaco e leader del movimento La Base, Efisio Arbau, sarà declinato nella realtà olbiese con una formula modellata alle esigenze del territorio. Nel paese barbaricino, lo strumento si propone di combattere lo spopolamento, a Olbia, invece, l’obiettivo sarà duplice: riqualificare il centro storico ridando al cuore della città quel decoro urbano ora assente, attrattore fondamentale per il turismo, e mettere a disposizione dei cittadini case al prezzo simbolico di un euro. A portare in città l’esempio di Ollolai è lo stesso movimento La Base, impegnato con una propria lista a sostegno di Marco Balata, candidato sindaco della coalizione composta dall’Altra Olbia, Unidos, Psd’Az, Sardinia Natzione e, appunto, La Base. Attraverso un emendamento al Piano casa regionale, Arbau ha ottenuto il riconoscimento legislativo di un proprio progetto di sviluppo locale a costo zero per le casse pubbliche: in pratica, i Comuni si comportano da intermediari immobiliari acquisendo al proprio patrimonio, immobili inutilizzati o sottoutilizzati per poi donarli al prezzo simbolico di 1 euro ai cittadini che si impegnano a ristrutturarli. «Abbiamo già stipulato due contratti in neanche due mesi e 15 sono in attesa», ha spiegato Arbau, nella sede dell’Altra Olbia, in piazza Mercato. Il progetto in chiave olbiese, prevede la formula della “permuta”, con lo scambio tra Comune e privati: ruderi e immobili da ristrutturare passano al Comune che cede in cambio ai privati, terreni o immobili confiscati alla mafia. Le case da ristrutturare vengono concesse al costo di 1 euro. «Tutto il centro storico sarà interessato dalla riqualificazione – ha chiarito Marco Balata – Ovviamente il Comune dovrà prima censire i beni. Ma la prima cosa da fare, sarà l’approvazione del Puc, che l’amministrazione uscente ha promesso e non ha fatto: noi, lo approveremo nei primi sei mesi del mandato», assicura il candidato sindaco. Per sostenere quei cittadini che vogliono ristrutturare gli immobili dismessi, «l’Altra Olbia istituirà un fondo di garanzia – ha aggiunto Antonio Sotgia, candidato e coordinatore dell’Altra Olbia – . Conosciamo le difficoltà per accedere ai finanziamenti, quindi, destineremo alle ristrutturazioni una somma importante».