03/08/2016, 16:09

Territorio » In Barbagia non c'è il mare ma le navi ci arrivano lo stesso: fare l'impossibile... a volte è possibile

Idea messa in atto grazie a Efisio Arbau, sindaco di Ollolai, comune componente dell'Unione Comuni della Barbagia; e presidente di quel movimento, La Base Sardegna, che continua a collezionare meriti sul campo, con piccole concretezze che servono in una Sardegna attaccata alle parole di un qualunque giornalista continentale, al quale sembra imputarsi tutta la sciagurata situazione economica che ci ritroviamo. 

La pensata, quella di portare le navi in Barbagia, (ora vi spieghiamo come!) proposta agli altri sindaci dell'Unione è piaciuta, e subito si è passati all'azione: presi contatti con la Grimaldi Lines, in particolare con il suo amministratore delegato Eugenio Cossu, è stata studiata una soluzione per valorizzare l'area dei Comuni interessati e aumentare l'offerta turistica di Grimaldi.

La collaborazione è stata siglata appena quattro giorni fa, sotto i lecci di San Basilio, area ambientale, archeologica, di grande intersse turistico nel territorio di Ollolai, dove un tempo i frati sfuggirono alla malaria per respirare aria sana. All'incontro per firmare un accordo che potrebbe essere definito storico, erano presenti alcuni dei rappresentanti dell'Unione e il presidente, il Sindaco di Lodine, Antonio Congiu, oltre che Stefania Piras, primo cittadino di Oniferi, Maurizio Sirca, assessore sarulese e Eugenio Cossu appunto.

Per i turisti che soggiorneranno in Barbagia arrivare in Sardegna costerà di meno. Il biglietto delle navi Grimaldi Lines, infatti, si sgonfierà fino al 15 per cento: in poche parole chi viaggerà con le navi Grimaldi lines e prenoterà in una struttura ricettiva aderente al circuito creato dell’Unione dei Comuni beneficerà di uno sconto sui biglietti da e per la Sardegna del 15 per cento in bassa stagione, del 10 in alta.

Un'idea semplice che punta alla promozione turistica attraverso uno dei vettori più importanti: i traghetti. Un'idea che nasce senza milioni di contributi, ma con il semplice dialogo, e che porterà vantaggi ai paesi dell'Unione Barbagia, nella fattispecie agli operatori turistici per primi. E che permetterà a Grimaldi di ampliare la sua offerta, e di accontentare i suoi clienti desiderosi di montagna. 

"Abbiamo strade sconnesse, aeroporti deserti, monopoli sui porti, i treni li vediamo con il binocolo. Per molti dovremmo piangere da mattina a sera o trasferirci direttamente - esclama Efisio Arbau - ma siamo una squadra vincente e questa è solo la prima delle idee che stiamo mettendo in atto come gruppo Unione dei Comuni, forti di una grande unione, forti di persone che ci credono e non mollano".