05/02/2013, 15:45

I candidati al Senato » Eugenia Cervello. L'ascolto è la base da cui la politica deve partire.

Nome e Cognome Anni Professione Vive a Titolo di studio
Eugenia Cervello 66 Libero professionista ADR - Metodo alternativo di risoluzione delle controversie Cagliari Master Universitario in antropologia filosofica e forense, criminologia e tecniche investigative.

 

Ecco l'intervista a Eugenia Cervello, candidata con la lista del movimento La Base al Senato. Originaria di Sassari ha vissuto sin da bambina a Cagliari.
Eugenia è una donna che ha ereditato la passione per la politica dal padre “in casa abbiamo sempre respirato socialismo”.

Cosa ti convince del movimento La Base?
“La serietà delle persone. Ho visto il giusto credo emozionale e gli elementi necessari che un gruppo deve avere per realizzare e trasmettere il messaggio politico”.

Cosa pensi della campagna elettorale impostata dal movimento sull'ascolto?
“Mi piace, mi rasserena. Questo è il mio lavoro. Bisogna saper ascoltare, è la nostra caratteristica. Chi non lo fa è un egocentrico. E i bisogni degli altri dove sono? Purtroppo i politici di oggi sono così. Non sanno neppure quanto costa un kg di pasta. Sono persone immature e ubriache di potere. Non riescono a cogliere la loro aridità. Stanno divorando i loro simili. Questo li porta ad andare sempre più giù mentre l'uomo per natura deve compiere il viaggio contrario.

Cosa serve per invertire direzione?
“Abbiamo bisogno di leggerezza, di un rinnovo totale della politica. Serve un soffio, non tanto il maestrale che porta aggressività ma una brezza che porti il rinnovamento. Occorre liberarci da questa zavorra. I politici di oggi rappresentano pesantezza, portano l'uomo a regredire. Invece, come detto, ci serve leggerezza, rinnovamento. Dobbiamo recuperare i valori universali che ci devono guidare. Lo possiamo fare con una nuova politica capace di parlare con le persone e di ascoltarle”.